Quando si è giù di morale, non c'è nulla di meglio di un dolce.

Ma non basta assaggiarlo, non basta sentire il suo gusto..
La parte più bella è la preparazione, affondare le mani nella farina, sentire il profumo della cannella che si spande per la casa, vedere come tutti gli ingredienti, in apparenza così diversi, si amalgamano insieme e diventano una cosa sola. C'è qualcosa di più poetico della croccantezza di una nocciola, della cremosità della panna o del profumo dolciastro della frutta candita? Di più sorprendente del candore del latte bollente o di prendere tra le mani una manciata di chicchi di caffè?
Quando sei triste, quindi, ricorda: impegnati con amore e passione nella preparazione di un dolce, la gioia che ne scaturirà dalla sua buona riuscita, riuscirà a placare, anche per un solo istante, qualsiasi dolore.

sabato 2 gennaio 2016

Cenone di Capodanno: Bis di risotti

Buonasera a tutti! Oggi pubblichiamo le ricette dei due risotti che io e la mia collega ingegnere ci siamo preparati per il cenone di capodanno. Si tratta di due piatti molto eleganti, ma allo stesso tempo di semplice esecuzione. Infatti li abbiamo potuti realizzare senza problemi anche nell'appartamento che abbiamo affittato durante le nostre vacanze a Praga, pur non disponendo di tutti i nostri attrezzi. 
La scelta di realizzare due diversi risotti è fatta con l'intento di far incontrare nella stessa cena la tradizione emiliana con il tipico Lambrusco di Sorbara (che con il suo sapore delicatamente acidulo da uno sprint in più ai funghi) e la consuetudine dell'ultimo dell'anno che prevede il classico brindisi a base di champagne/spumante (che aggiunge un aroma in più al riso, senza coprire il gusto del salmone)!

Adesso vi lasciamo alla ricetta, un saluto a tutti e di nuovo Buon Anno!






 NB: Le quantità indicate di seguito sono per 3-4 persone (realizzando entrambi i risotti).



Risotto ai funghi porcini e Lambrusco di Sorbara

Ingredienti 

150 g di riso Vialone Nano (noi abbiamo usato riso Vialone Nano veronese IGP)
30 g di funghi porcini secchi
250 mL di Lambrusco di Sorbara 
100 mL di latte 
1 cucchiaio di evo
50 g di Parmigiano Reggiano 
Sale e pepe q.b.
Brodo vegetale q.b.


Procedimento 

Mettere a bagno i funghi in acqua almeno un'ora prima della preparazione del risotto. Passato il tempo di ammollo, scolare i funghi e lavarli sotto l'acqua corrente. 
In una padella antiaderente scaldare bene l'olio, versare il riso e i funghi e tostarli mescolando spesso fino a che il riso non sarà diventato lucido (ci vorranno 3-4 minuti circa).
Sfumare con il Lambrusco (possibilmente a temperatura ambiente) e quando il vino è stato tutto assorbito cominciare ad aggiungere il brodo un mestolo alla volta man mano che la padella si asciuga. Dal momento in cui si aggiunge il vino la cottura richiederà 15-20 minuti a seconda del tipo di riso. 
A metà cottura aggiungere il latte precedentemente scaldato. Qualche minuto prima della fine aggiungere il Parmigiano grattugiato e aggiustare di sale e pepe.



Risotto al salmone e champagne

Ingredienti

150 g di riso Vialone Nano
200 g di salmone fresco (al netto degli scarti)
250 mL di champagne demi-sec (oppure spumante secco)
125 mL di latte
3-4 cucchiai di passata di pomodoro
1 cucchiaio di evo
30 g di Parmigiano Reggiano 
1 ciuffetto di prezzemolo 
Sale e pepe q.b.
Brodo vegetale q.b.

Procedimento 

Tagliare il salmone a dadini. Quindi seguire il procedimento di tostatura e cottura del risotto precedente sostituendo al Lambrusco lo Champagne. A fine cottura, oltre ad effettuare le operazioni già indicate, tritare finemente il prezzemolo e aggiungerlo al risotto insieme alla passata di pomodoro.





Piccole soddisfazioni

Piccole soddisfazioni

The versatile blogger award

The versatile blogger award

Premio dell'amicizia blogger

Premio dell'amicizia blogger