Quando si è giù di morale, non c'è nulla di meglio di un dolce.

Ma non basta assaggiarlo, non basta sentire il suo gusto..
La parte più bella è la preparazione, affondare le mani nella farina, sentire il profumo della cannella che si spande per la casa, vedere come tutti gli ingredienti, in apparenza così diversi, si amalgamano insieme e diventano una cosa sola. C'è qualcosa di più poetico della croccantezza di una nocciola, della cremosità della panna o del profumo dolciastro della frutta candita? Di più sorprendente del candore del latte bollente o di prendere tra le mani una manciata di chicchi di caffè?
Quando sei triste, quindi, ricorda: impegnati con amore e passione nella preparazione di un dolce, la gioia che ne scaturirà dalla sua buona riuscita, riuscirà a placare, anche per un solo istante, qualsiasi dolore.

domenica 18 agosto 2013

Poveri ma buoni: la trota salmonata

Eccomi con la mia rubrica “Poveri, ma buoni”! Oggi non vi darò una vera e propria ricetta, voglio solo mettere in risalto un pesce un po’ declassato e farvi vedere un’applicazione dell’uso del microonde, del quale vi ho parlato in questo post.
Il prodotto di oggi è la trota salmonata. Questo pesce è un parente vicinissimo del salmone, infatti appartengono alla stessa famiglia, quella dei Salmonidi. Si tratta di una semplicissima trota la cui alimentazione le rende la pelle rosata come quella del salmone.
Nonostante il nome e l’aspetto possano non ispirare ( immagino che sia più elegante servire in tavola un bel “trancio di salmone” che un misero “filetto di trota salmonata” Occhiolino), è un prodotto che merita il giusto spazio nelle nostre cucina.
Per quanto riguarda i valori nutrizionali, la trota salmonata è più ricca di acqua, ma più povera di lipidi e proteine rispetto al salmone. Questo la rende più digeribile e indicata anche per i bambini. I livelli di colesterolo sono indicativamente simili a quelli del salmone e del petto di pollo, quindi è un pesce adatto anche a chi a problemi di questo tipo.
E’ un prodotto molto versatile in cucina, è ottima intera cucinata al cartoccio oppure in filetto preparata come più gradiamo, essendo perfetta sia per preparazioni elaborata che semplicemente per essere cotta al vapore.
L’unico problema sono le lische, ma è facilmente risolvibile perchè i filetti che si trovano in commercio le presentano solo nella parte centrale e con una semplice pinzetta è molto facile rimuoverle. La pelle invece si rimuove agevolmente dopo la cottura.
Il costo è contenuto, infatti varia dai 7 € per la trota intera, fino ai 12 € per il filetto, assolutamente sotto la media di molti altri pesci.
Io oggi ve la propongo in maniera  semplice, ma gustosa, in linea con il tema della rubrica, ma voi potete sbizzarrirvi come più volete!
Inoltre l’ho cotta in microonde, un ulteriore risparmio se si considera che consuma meno del forno e impiega la metà del tempo.
trota salmonata low cost microonde
(Scusate per la qualità della foto!)
Ingredienti (per 1 persona)
1 filetto di trota salmonata da circa 200 gr
pan grattato q.b.
spezie a piacere q.b. (io ho usato un misto contenete curry, origano, timo, curcuma, maggiorana, timo, salvia, rosmarino, noce moscata e pepe)
sale q.b.
olio evo q.b.
 
Preparazione
Eliminare le spine con l’aiuto di una pinzetta, poi adagiare il filetto in una pirofila coperta di carta forno.
Spolverare con il sale, le spezie e il pan grattato, irrorare con un filo di olio e cuocere 2-3 minuti a 750 W con la funzione microonde, poi 7 minuti con la funzione grill.
Nel caso non abbiate il microonde, infornate a 180°C per circa 20 minuti.

Piccole soddisfazioni

Piccole soddisfazioni

The versatile blogger award

The versatile blogger award

Premio dell'amicizia blogger

Premio dell'amicizia blogger