Quando si è giù di morale, non c'è nulla di meglio di un dolce.

Ma non basta assaggiarlo, non basta sentire il suo gusto..
La parte più bella è la preparazione, affondare le mani nella farina, sentire il profumo della cannella che si spande per la casa, vedere come tutti gli ingredienti, in apparenza così diversi, si amalgamano insieme e diventano una cosa sola. C'è qualcosa di più poetico della croccantezza di una nocciola, della cremosità della panna o del profumo dolciastro della frutta candita? Di più sorprendente del candore del latte bollente o di prendere tra le mani una manciata di chicchi di caffè?
Quando sei triste, quindi, ricorda: impegnati con amore e passione nella preparazione di un dolce, la gioia che ne scaturirà dalla sua buona riuscita, riuscirà a placare, anche per un solo istante, qualsiasi dolore.

sabato 10 agosto 2013

Penne rigate al pesto di feta, limone e basilico… e Vienna! (Pasta with feta cheese, lemon and basil)

penne pasta feta cheese basil pinoli basilico pinolesOggi un’ altra ricetta veloce, di quelle che si preparano nel tempo di cottura della pasta. E’ un pesto dal sapore forte e intenso, ma allo stesso tempo fresco e leggero. La feta ha un gusto predominante, ma smorzato dal sapore dolciastro dei pinoli e del latte, mentre il limone contribuisce a rinfrescare il sapore pieno del piatto.
Prima di lasciarvi alla ricetta volevo però parlarvi del mio viaggio a Vienna. Oggi vi do solo un semplice reportage di quello che ho visto,per le prelibatezze culinarie vi faccio attendere ancora un po’, vi assicuro che meritano un post tutto per loro Sorriso
(Se volete saltare la descrizione di Vienna andate in fondo al post dove troverete la ricetta Occhiolino)
For the English version see below


Come vi ho già detto ieri, il viaggio è stato bellissimo, intenso e coinvolgente. Non abbiamo perso nemmeno un centimetro quadrato di questa splendida città. Muoversi è davvero semplice, la metropolitana è molto organizzata, in pochissimi minuti si riescono a coprire distanze notevoli.
Ci sono parchi ovunque (fattore davvero apprezzabile in una grande città!), grandi e ben tenuti, noi ne abbiamo approfittato per fare lunghe camminate e pranzare al fresco di una quercia.
L’unica nota dolente è stato l’orientamento i primi giorni, infatti essendo italiani abituati alle città romane con strade dritte e perpendicolari tra loro, questo incrociarsi e arrotolarsi di vie non aiuta la visita, ma basta prenderci la mano Sorriso
Non nascondo che ci siamo stancati parecchio (quel pigrone di Davide si addormentava ovunque!), ma come potevo non approfittarne e scoprire ogni angolino di Vienna?  il caldo di certo non ci ha aiutato, speravamo in un clima abbastanza mite, ma ci siamo beccati giornate da 35 °C fino a toccare anche i 38°C! Il risultato è stato una scottatura degna di nota, di quelle da svegliarsi con i calori alla notte e non riuscire a portare la borsa di giorno, se poi ci aggiungiamo che a Vienna non sanno cosa sia una crema per le scottature solari (vi assicuro, sono andata in farmacia, l’unico prodotto che avevano era un’acqua rinfrescante!) l’unico sollievo erano impacchi di acqua fredda. Ma di certo questo non mi ha fermato e con un po’ di sopportazione ho proseguito nella visita Sorriso
E per finire sono riuscita a realizzare un mio grande sogno, quello di vedere un panda! Sono completamente innamorata di questi animali, sono addirittura “mamma” di un pandino, infatti per il mio compleanno mi è stata regalata l’adozione tramite il wwf di un dolce animaletto! Sarà una cosa banale, sarà da ingenui, ma non vi dico l’emozione che ho provato nel vederli dal vivo, è stata una gioia fortissima!
Ma veniamo ai posti più belli e importanti che ho visto, che sicuramente vi interesseranno di più che le mie disavventure solari  Sorriso
IL GRABEN
P8020013P8020012
HOFBURGP8020028P8020030P8030125
DUOMO DI SANTO STEFANOP8030163P8030162

PARLAMENTO
P8020075
MUSEO DI SISSIP8030142P8030127P8030135P8030128
VIENNA DI SERAP8030241P8030233

SCHOENBRUNN E IL GIARDINO… E IL PARCO GIOCHI!
P8040262P8040329P8040336P8040339P8040377P8040392P8040295P8040289Piccoli  incontri nel giardino!
P8050598
P8050601COPACAGRANAP8040452P8040449
ZOOP8050680
P8050484
P8050506P8050518P8050510P8050539P8050551P8050578P8050594Ecco i miei dolcissimi panda!
P8050466P8050478P8050480IL DANUBIO
P8050712P8050718
P8050706P8050725MADAME TUSSAUDS
P8060773P8060770
P8060776P8060780P8060782P8060791P8060801P8060804IL BELVEDERE
P8071036P8071023P8070918P8071053P8070897
GIARDINO BOTANICO
P8070968
P8070959

P8070953


Ingredienti (per 2 persone)
160 gr di penne rigate
50 gr di feta
buccia di 1 limone
succo di 1/2 o 1 limone (a seconda dei gusti)
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio di pinoli
6/7 foglie di basilico
1 pizzico di sale
latte intero q.b.penne pasta feta cheese basil pinoli basilico pinoles

Preparazione
Far bollire l’acqua della pasta e buttarla quando bolle.
Nel frattempo frullare i pinoli, poi aggiungere il limone (succo e buccia), la feta a pezzetti, l’olio e il sale e frullare per bene.
Aggiungere qualche cucchiaio di latte per rendere il pesto più fluido e infine il basilico.
Quando la pasta è pronta scolarla e saltarla in padella con il pesto e un po’ di acqua di cottura.
penne pasta feta cheese basil pinoli basilico pinoles

Pasta with feta cheese, lemon and basil
Ingredients
160 g of pasta
50 g of feta cheese
peel of 1 lemon
juice of 1/2 or 1 lemon (according to taste)
2 tablespoons of extra virgin olive oil
1 tablespoon of pinoles
6/7 basil leaves
1 pinch of salt
whole milk q.b.

Cook the pasta.
Meanwhile, blend the pinoles, then add the lemon (juice and zest), the feta cheese, oil and salt and mix well.
Add a few tablespoons of milk to make the cream more fluid and finally add the basil.
When the pasta is cook, drain it and put it in a pan with the cream, a little cooking water and finish to cook.

Piccole soddisfazioni

Piccole soddisfazioni

The versatile blogger award

The versatile blogger award

Premio dell'amicizia blogger

Premio dell'amicizia blogger