Quando si è giù di morale, non c'è nulla di meglio di un dolce.

Ma non basta assaggiarlo, non basta sentire il suo gusto..
La parte più bella è la preparazione, affondare le mani nella farina, sentire il profumo della cannella che si spande per la casa, vedere come tutti gli ingredienti, in apparenza così diversi, si amalgamano insieme e diventano una cosa sola. C'è qualcosa di più poetico della croccantezza di una nocciola, della cremosità della panna o del profumo dolciastro della frutta candita? Di più sorprendente del candore del latte bollente o di prendere tra le mani una manciata di chicchi di caffè?
Quando sei triste, quindi, ricorda: impegnati con amore e passione nella preparazione di un dolce, la gioia che ne scaturirà dalla sua buona riuscita, riuscirà a placare, anche per un solo istante, qualsiasi dolore.

domenica 2 giugno 2013

Kalàcs, pane dolce ungherese

kalàcs semi papavero pane dolce brioches unghere ungheria panna acidaI malanni arrivano sempre quando non dovrebbero. Dopo un inverno passato senza vedere nemmeno l’ombra di un raffreddore, mi ritrovo a  Giugno con un mal di gola e un abbassamento di voce notevole. Se poi consideriamo che in un questa settimana ho due esami, uno spettacolo di canto e un matrimonio la situazione è ancora più tragica! Meglio comunque non pensarci e consolarsi con qualcosa di goloso Sorriso Ho preparato, quindi, questo pane dolce, di origine Ungherese, molto buono e soffice. Amo preparare piatti originari di altri paesi e anche assaggiare le varie cucine, per cui appena ho visto in libreria il libro di dolci internazionali da cui ho preso questo pane l’ho voluto subito acquistare! Ci sono tante ricette interessanti, provenienti da tutto il mondo, ma il kalàcs mi ha colpito subito per la sua semplicità e per gli ingredienti utilizzati, infatti la panna acida e i semi di papavero la rendono molto particolare. E’ perfetto da mangiare con la marmellata, ma è ottimo anche semplice.
Spero vi piaccia, buona serata!
Ingredienti (tortiera da 18 cm)
280 gr di farina 00
70 gr di zucchero semolato
40 gr di olio di semi
50 gr di panna acida (io la preparo usando 1/3 di yogurt intero naturale, 2/3 di panna e 1 cucchiaio di succo di limone ogni 50 gr di panna)
50 ml di latte intero
15 gr di lievito di birra
scorza di mezzo limone
20 gr di semi di papavero
2 uovakalàcs semi papavero pane dolce brioches unghere ungheria panna acida
Preparazione
Sciogliere nel latte il lievito di birra e lasciare riposare per 15 minuti.
In una ciotola amalgamare la farina, lo zucchero, la panna, l’olio le uova e la scorza di limone mescolando con un cucchiaio. Aggiungere quindi il latte con lievito e amalgamare il composto con forza. Risulterà un impasto molto morbido e appiccicoso, ma compatto e lavorabile con un cucchiaio.
In ultimo aggiungere i semi di papavero al composto.
Imburrare la tortiera, versare l’impasto e livellarlo bene. Far lievitare per 2 o 2 ore e mezza, o fino al raddoppio, dopodiché infornare a 180°C nel forno ventilato per circa 20 minuti.
Aspettare il raffreddamento del kalàcs prima di tagliarlo.kalàcs semi papavero pane dolce brioches unghere ungheria panna acidakalàcs semi papavero pane dolce brioches unghere ungheria panna acida

Con questa ricetta partecipo al contest di Dolcemente Inventando “I cook…international!


Con questa ricetta partecipo al contest di Chiacchiere e Cucina "Cucina dal mondo"

Piccole soddisfazioni

Piccole soddisfazioni

The versatile blogger award

The versatile blogger award

Premio dell'amicizia blogger

Premio dell'amicizia blogger