Quando si è giù di morale, non c'è nulla di meglio di un dolce.

Ma non basta assaggiarlo, non basta sentire il suo gusto..
La parte più bella è la preparazione, affondare le mani nella farina, sentire il profumo della cannella che si spande per la casa, vedere come tutti gli ingredienti, in apparenza così diversi, si amalgamano insieme e diventano una cosa sola. C'è qualcosa di più poetico della croccantezza di una nocciola, della cremosità della panna o del profumo dolciastro della frutta candita? Di più sorprendente del candore del latte bollente o di prendere tra le mani una manciata di chicchi di caffè?
Quando sei triste, quindi, ricorda: impegnati con amore e passione nella preparazione di un dolce, la gioia che ne scaturirà dalla sua buona riuscita, riuscirà a placare, anche per un solo istante, qualsiasi dolore.

venerdì 5 febbraio 2016

Calzoni farciti (Stuffed calzoni)

Un saluto a tutti!
La ricetta di oggi è nata da un tentativo un po' improvvisato. Avevamo preparato una grande quantità di impasto con l'intento di realizzare delle tigelle (che saranno oggetto di un post successivo), ma dopo un paio di ore di lavoro ci siamo accorti di aver effettivamente esagerato con le dosi.
Il tutto era nato dal fatto era che avevamo degli ospiti a cena e, sapete come è, fra fare poco e fare molto abbiamo preferito abbondare per evitare di mandare qualcuno a casa con la fame.
Quando durante la formatura delle tigelle ci siamo accorti di averne già fatte più che a sufficienza, ci siamo chiesti: cosa facciamo con l'altro impasto?
Buttarlo via era fuori questione, perché non ci piace assolutamente sprecare e inoltre era l'occasione giusta per dare libero sfogo alla nostra fantasia.
Abbiamo dunque deciso di preparare dei gustosissimi Calzoni farciti!
Il vantaggio di questi calzoni è che noi li abbiamo potuti cuocere la sera in forno, poi metterli in frigo (o in freezer se ne avete fatti molti) e mangiarli tranquillamente il giorno dopo a pranzo (se li avete messi i freezer anche più avanti).
Quindi questa trovata ci ha permesso di non buttare via nulla e di avere diversi calzoni pronti da tirar fuori non appena ne abbiamo voglia (vi garantiamo che il sapore rimane immutato!). Ve li consigliamo dunque se ogni tanto amate pranzare o cenare con pizza o simili: questa ricetta vi permette di prepararli quando avete tempo, conservarli e averli comodamente a disposizione quando ne avete voglia! Senza dimenticare il fatto che contengono molti meno grassi e meno lievito della maggior parte delle pizze commerciali! Vi lasciamo alla ricetta, buona lettura!



For the English version see below




Ingredienti (per 2-3 calzoni)

1 Kg di farina per pizza
60 g di olio evo
250 g di latte intero (sostituibile con quello di soia)
450 g di acqua
10 g di lievito di birra
18 g di sale


Preparazione

Ore 10
Sciogliere il lievito in 100 g di acqua e il sale nel latte.
Nell'impastatrice mettere la farina, il latte e l'olio, quindi impastare a velocità moderata per qualche minuto. Usare il gancio a forma di foglia.
Aggiungere l'acqua con il lievito, continuando ad impastare.
Gradualmente aggiungere la restante acqua e aumentare la velocità dell'impastatrice, far andare per 10-15 minuti fino a che l'impasto sarà incordato (ribaltare di frequente la pasta).
Ungere una capiente ciotola con un filo di olio, versare la pasta, coprire con la pellicola e lasciar riposare 24 ore in frigorifero.

Ore 10 (del giorno seguente)
Tirare fuori la ciotola dal frigo e lasciar riposare per 2 orette.

Ore 12
Aiutandosi con abbondante farina, stendere il panetto in un rettangolo, effettuare le pieghe libro (qui trovate il link con il video della spiegazione).
Coprire con la ciotola e lasciar riposare 30 minuti-1 ora.

Ore 12:30
Aiutandosi con abbondante farina, stendere il panetto a forma di cerchio (25-30 cm di diametro) e farcire come preferite. Chiudere il calzone, quindi lasciar lievitare su un foglio di carta forno abbondantemente infarinato.

Ore 20
Infornare a 250 °C, funzione ventilata e cuocere per 15-20 minuti.


NB:
 -I calzoni, una volta freddi possono essere congelati. Quando li volete mangiare tirateli fuori 3-4 ore prima, poi scaldateli a 120 °C per 10-15 minuti.
-Noi vi consigliamo le seguenti farciture: 

  • pomodoro-scamorza-salame 
  • aceto balsamico-parmigiano-noci-scamorza 
  • prosciutto cotto-pomodoro-scamorza-patè di pomodorini
.... ma siete liberi di sbizzarirvi!





English version

Hello to everybody!
Today we are going to propose you an all-at-once recipe. We have prepared a great amount of dough with the purpose of realizing some “tigelle” (that will be the object of one of the next posts), but after a couple of hours of hard work we realized that we have effectivly overindulged in the quantity.
The beginning of everything was that we have asked some friends in for dinner and, you know, between making too little and too much we preferred to be abundant to avoid someone going home hungry.
When during the shaping of tigelle, we realized that we have made more than enough, we asked ourselves: what to do with all this dough?
Throwing it away was out of the question, because we don’t like to waste and, moreover, it was the perfect chance to vent our creativity.
Hence we decided to realise some tasty stuffed “calzoni”.
The advantage of these calzoni is that we were able to bake them in the evening, then to put them in the fridge (or in the freezer if you have prepared a great number). You can eat them the day after for lunch (or when you want if you keep them in the deep freeze).
So this recipe has allowed us not to waste anything and to have several calzoni ready as soon as we care to eat them (we guarantee that the flavour doesn’t modify!). We recommend these calzoni if sometimes you like to have pizza or something similar for lunch or dinner: this recipe allows you to prepare calzoni when you are free, to conserve them and to have these guys handy! And they are much more poor of fat and of yeast than the most of the commercial pizzas! So that’s the recipe, enjoy the reading!


Ingredients (for 2-3 calzoni)

1 kg of pizza flour 
60 g of extra virgin olive oil
250 g of whole milk
450 g of water
10 g of brewer’s yeast
18 g of salt


Preparation

10 AM
Dissolve the yeast in 100 g of water and the salt in the milk.
Put the flour, the milk and the oil in the kneader, then knead at a moderate speed for some minutes. 
Add the water with the yeast, keeping on mixing.
Add gradually the rest of the water and speed up the kneader, keep on for 10-15 minutes until the dough is firm and does not break when you stretch it (tip it over frequently).
Grease a big bowl, pour the dough, cover with the plastic wrap and let it rest for 24 hours in the fridge.

10 AM (day after)
Take the bowl out of the fridge and let it rest for 2 hours.

12 AM
Using abundant flour, lay out the dough shaping a rectangle, make the book fold (here you’ll find thevideo with the instructions).
Cover the dough with the cup and let it rest for 30 minutes-1 hour.

12:30 AM
Using abundant flour, lay the dough out shaping a circle (diameter 25-30 cm) and fill in the way you like the most. Close the calzone, then sprinkle abundantly flour over a sheet of parchment paper and let the calzone rise on it.

8 PM
Bake in the oven at 250 °C, vent function, and cook for 15-20 minutes.

NB:
-The calzoni, once they are cold, can be put in the freezer. When you want to eat them take them out of the freezer 3-4 hours before, then heat up at 120 °C for 15-15 minutes.


-We suggest the following fillings:

  • tomato- scamorza cheese-salami 
  • balsamic-parmigiano-nuts-scamorza cheese 
  • cooked ham-tomato-scamorza cheese-tomato patè
…but you are free to invent!!

Piccole soddisfazioni

Piccole soddisfazioni

The versatile blogger award

The versatile blogger award

Premio dell'amicizia blogger

Premio dell'amicizia blogger