Quando si è giù di morale, non c'è nulla di meglio di un dolce.

Ma non basta assaggiarlo, non basta sentire il suo gusto..
La parte più bella è la preparazione, affondare le mani nella farina, sentire il profumo della cannella che si spande per la casa, vedere come tutti gli ingredienti, in apparenza così diversi, si amalgamano insieme e diventano una cosa sola. C'è qualcosa di più poetico della croccantezza di una nocciola, della cremosità della panna o del profumo dolciastro della frutta candita? Di più sorprendente del candore del latte bollente o di prendere tra le mani una manciata di chicchi di caffè?
Quando sei triste, quindi, ricorda: impegnati con amore e passione nella preparazione di un dolce, la gioia che ne scaturirà dalla sua buona riuscita, riuscirà a placare, anche per un solo istante, qualsiasi dolore.

mercoledì 9 marzo 2016

Mercoledì vegano: I funghi. Quali scegliere e come cuocerli

Buonasera a tutti!
Oggi  torniamo con il nostro appuntamento con il mercoledì vegano, ma con un articolo un po' particolare: faremo infatti due chiacchiere sui funghi!
Non so a voi, ma a noi i funghi piacciono tantissimo: sono così versatili, leggeri, si possono cucinare in tanti modi diversi e abbinare ai piatti più differenti!

Noi, però, abbiamo sempre trovato un po' di difficoltà a cucinare queste delizie: fino a che si tratta di usarli in un risotto, freschi nelle insalate o mescolati con altri ingredienti, è sempre stato abbastanza semplice, ma quando si tratta di cucinarli semplici, come contorno o accompagnamento al piatto ecco che sono sempre sorti i problemi! Troppo gommosi, pieni di acqua, poco saporiti... insomma un vero dramma!

Fortunatamente, dopo vari esperimenti e un po' di pazienza abbiamo trovato un metodo rapido e veloce che permette di ottenere degli ottimi funghi , saporiti, morbidi e con pochissime calorie!

Prima di passare alla ricetta vi lasciamo una piccola descrizione dei funghi.








TIPOLOGIE DI FUNGHI

I principali tipi di funghi che possiamo trovare al supermercato sono i seguenti (ovviamente la lista sarebbe molto più lunga!):

-FINFERLI: questi funghi sono i meno adatti da essere proposti como contorno perchè tendono a rompersi facilmente, sono ottimi nei sughi oppure fritti.
-CHAMPIGNON: sono i funghi più versatili, mantengono una consistenza perfetta, sono adatti per ogni tipo di preparazione e sono anche economici! (Si possono trovare in due colorazioni: bianchi o marroni chiaro.)
-PORCINI: i porcini sono i re dei funghi! Deliziosi, saporiti, perfetti in ogni piatto, l'unica controindicazione è il prezzo!
-CHIODINI: anche i chiodini mantengono un'ottima consistenza in cottura, sono saporiti, ma il lavaggio è più lungo e difficoltoso a causa delle dimensioni ridotte.
-PORTOBELLO: sono champignon maturi, valgono le stesse considerazioni fatte per questi'ultimi, ma date le grosse dimensioni sono perfetti per essere farciti!




IN QUALI FORMATI LI POSSIAMO TROVARE

Inoltre i funghi crudi li possiamo trovare in 3 forme:
-SECCHI: ottimi per essere conservati per lungo tempo, prima dell'uso vanno ammollati e anche se sulla maggior parte delle confezioni  indicato un tempo di circa 30 minuti, per la nostra esperienza per ottenere funghi morbidi e gustosi sono necessarie almeno un paio di ore di ammollo (N.B. se volete convertire la quantità di funghi freschi in funghi secchi, considerate che a 100 grammi di freschi corrispondono 10-15 g di secchi!)
-SURGELATI: personalmenete non amiamo i funghi surgelati, data la struttura spugnosa e poco compatta dei funghi, tendono ad assorbire moltissima acqua il che si traduce in una consistenza spugnosa e gommosa dopo la cottura. Se per comodità volete usare questi, vi consigliamo di lasciarli scongelare prima di cuocerli così da eliminare l'acqua del cnogelamento.
-FRESCHI: questa è la forma che preferiamo e che da maggiori risultati, la consistenza dopo la cottura è ottima e il fungo mantiene tutto il suo sapore. 




COME LAVARLI

Noi procediamo così: eliminiamo con un coltello il fondo se è molto sporto di terra, poi laviamo bene ad uno ad uno i funghi sotto l'acqua fredda eliminando ogni residuo di terra (ci si può aiutare anche con una spazzolina).
Attenzione che i funghi chiodini e i finferli sono molto delicati e tendono a rompersi.




COME CUOCERLI

Come detto prima i metodi di cottura sono tantissimi,noi vi proponiamo quello più semplice che vi permetterà di avere dei funghi buoni e saporiti, perfetti per essere serviti come contorno oppure pronti da essere usati in altre ricette (prossimamente vi posteremo tante nuove ricettine a base di funghi!).

Noi abbiamo usato gli champignon e come detto prima abbiamo fatto una versione molto light: con pochissimo olio è possibile ottenere un risultato davvero fantastico!


Ingredienti

400 g di funghi già puliti e lavati
1 cucchiaino di olio evo
100 ml di birra (o di vino bianco)
sale e pepe q.b.
spezie a piacere (noi rosmarino e salvia)



Preparazione

Tagliare a pezzetti i funghi.
Scaldare molto bene l'olio una padella antiaderente, versare i funghi e rosolare per un paio di minuti.
Sfumare con la birra, salare e pepare, quindi aggiungere le spezie.
Vedrete che in pochi minuti i funghi produrranno un gran quantitativo di acqua, quindi è importantissimo NON aggiungere alcun liquido.
Cuocere a fuoco medio per 10-15 minuti o fino a che l'acqua sarà completamente evaporata, dopodichè far rosolare i funghi per ancora qualche minuti, mescolando spesso, in modo da farli dorare.
I funghi cos' cotti si conservano 3-4 giorni in frigorifero chiusi in un contenitore idoneo.




VALORI NUTRIZIONALI

Funghi freschi (100 g)



Funghi cotti secondo la nostra ricetta (100 g)

Immagini tratte dal sito http://sapermangiare.mobi/


Piccole soddisfazioni

Piccole soddisfazioni

The versatile blogger award

The versatile blogger award

Premio dell'amicizia blogger

Premio dell'amicizia blogger